Strategie
Content Marketing per Liberi Professionisti: Dove Farlo?
August 17, 2015
0

Parlando di Content Marketing spesso si ricade anche sulle differenti piattaforme. Infatti applicare questa tipologia di marketing può sembrare difficile, specialmente non sapendo su quale piattaforma è meglio agire. In questo articolo chiariremo meglio questo aspetto.

Infatti spesso si creano dei contenuti con un linguaggio ed un argomento, che spesso non vanno d’accordo con la piattaforma, rendendo poco efficace o inutile il nostro Content Marketing. Quindi il modo di comunicare deve andare di pari passo rispetto alla piattaforma che utilizzeremo per i nostri contenuti.

Possiamo dividere le piattaforme per fare Content Marketing in 2 categorie ben separate, la prima è dove possiamo condividere contenuti lunghi e di qualità, articoli o altro che rimanga nel tempo e che abbia un grande valore, la seconda dove pubblicheremo contenuti veloci e immediati con lo scopo di creare una community, autorità sul professionista ed altro.

 

CATEGORIA 1

YOUTUBE

Nella prima categoria troviamo Youtube, dove i contenuti hanno delle caratteristiche particolari, prima di tutto, è meglio creare meno contenuti ma con una qualità maggiore, cioè che possano essere condivisi e durare nel tempo avendo un valore maggiore.

Inoltre dovranno essere periodici, quindi bisognerà aggiornare costantemente il canale aggiungendo video con periodi prefissati, ad esempio ogni martedì sera, dando la possibilità alla community che ti segue di coltivare interesse rispetto ai tuoi contenuti periodici e seguirti con maggior facilità.

 

BLOG

Sempre nella prima categoria troviamo il blog, anche qui i contenuti devono essere di buona qualità, quindi piuttosto crea meno contenuti ma che siano ben studiati e che quindi abbiano un’impatto maggiore.

Puoi metterci anche una settimana a creare un’articolo, l’importante è che abbia una grande qualità nel contenuto, ogni tanto puoi creare delle maxi guide che rispondano a molte domande e quesiti in modo completo, rendendo giustificabile il tempo impiegato per creare questo tipo di contenuto.

Il timing è un pò meno importante rispetto a YouTube, ma comunque richiede una certa periodicità, quindi se le tue capacità ti consentono di creare contenuto ogni 2 giorni o ogni settimana meglio per te, ma se crei, ad esempio, un’articolo al mese devi assicurarti che sia di qualità elevatissima e che dia risposte esaurienti a tutte le domande che un possibile utente che lo visualizza potrebbe porsi.

 

Queste due piattaforme (Youtube e il Blog) sono fondamentali per i tuoi contenuti di alta qualità e si tratta di piattaforme dove l’utente è abituato a passare diverso tempo, approfondire gli aspetti riguardanti i tuoi argomenti e conoscerti meglio.

Da tenere presente è il fatto che Youtube è secondo solo a Google come motore di ricerca, quindi è in grado di creare molto traffico verso i tuoi contenuti, anche di vecchia data ma che continuano a portare visite e traffico.

Dopo aver visto queste due piattaforme per ospitare contenuti di qualità, che sono dentro la prima categoria, passiamo a quelle per pubblicare contenuti veloci e immediati che sono nella seconda categoria che possiamo definire la categoria dei social media.

 

CATEGORIA 2

SOCIAL MEDIA

Facebook, Twitter, LinkedIn, ecc… permettono di far vedere la tua autorità nel campo in cui operi tramite aggiornamenti, commenti e chicche, o magari anche opinioni rispetto a fatti successi o avvenimenti riguardanti la tua professione.

Puoi anche condividere contenuti altrui, riguardanti i tuoi interessi, e con un commento o un paio di righe che descrivono il tuo punto di vista sull’articolo che condividi, crei comunque contenuto di alta qualità con una selezione di fonti autorevoli, dando opinioni, facendo percepire autorità ai possibili clienti. In questo modo crei un’autorità e anche una community attorno a quella che è la tua persona e la tua professionalità.

 

INSTAGRAM

Altro punto di forza per questa tipologia di contenuti è instagram, non usato ancora in modo ottimale per scopi aziendali, ma in mano ad un libero professionista come te, che magari ha come veicolo principale di pubblicazione immagini o foto, come ad esempio un cuoco, con semplici e veloci scatti puoi creare una community e un seguito, mostrando il tuo lavoro o prodotto e la tua professionalità.

Infatti per creare contenuto in un social network il lavoro sarà minore, ma bisognerà continuare a pubblicare in quanto quello che posti avrà una vita breve, perchè quello che pubblichi oggi molto probabilmente per l’utente, già domani sarà difficile da raggiungere peggio ancora dopo una settimana, un mese, o un anno.
Quindi con questi consigli adesso saprai dove e come creare del contenuto che crei una autorità, selezionando la piattaforma in base al contenuto che vuoi o che ti serve condividere.

Share Button

About author

David Carelse

Consulente di Web Marketing e Imprenditore su Internet. Specializzato nell'aiutare liberi professionisti a sfruttare internet per trovare nuovi clienti in modo costante. Creatore del metodo Professionista VIP™

Correlati

/ Potresti trovare interessanti anche questi

come ottenere attenzione dai media

Come attirare l’attenzione dei Media

Parlando di Content Marketing spesso si ricade anc...

Leggi tutto
traffico web - visibilità online

Traffico Web: i Migliori Strumenti

Parlando di Content Marketing spesso si ricade anc...

Leggi tutto
strategie di marketing per liberi professionisti

Su Internet Non Devi Vendere Prodotti, Ma Autorità

Parlando di Content Marketing spesso si ricade anc...

Leggi tutto

There are 0 comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *