Pubblicità Online
Pubblicità su Twitter: Opportunità per Professionisti?
September 11, 2014
0

pubblicità su twitter

Twitter sta facendo dei passi notevoli verso i business, per attirare questi verso di se e magari, chi lo sa, forse provano a dare fastidio a Google Adwords e Facebook ADS, che finora sono dei colossi insormontabili nell’advertising online.

Prima quelli di Twitter hanno deciso di rendere disponibile l’Analytics a tutti gratuitamente. E questo è stato un passo notevole che ha portato un incremento notevole di iscrizioni e utilizzo del social network dei 140 caratteri. Ora la novità è un sistema di pubblicità online molto più simile a Facebook ADS, dove hanno aggiunto diverse funzionalità interessanti.

Ecco una funzione che si avvicina molto alla pubblicità di Facebook: Click verso sito web o conversioni.

Come funziona?

come funziona la pubblicità di twitter

Ma senza stare qui a fare una guida su come utilizzare il sistema di advertising di Twitter, quello su cui voglio farti riflettere qui è… Ma è davvero funzionale per un libero professionista, pubblicizzarsi su Twitter?

Ho fatto un’analisi e poi ho tratto le mie conclusioni. Ecco prima l’analisi:

Analisi

Non ho quasi mai fatto delle azioni di marketing su Twitter (a parte qualche test per vedere i risultati) per diversi motivi:

  1. Il pubblico presente su Twitter non è molto vasto in Italia, non quanto Facebook. Anche se si tratta di un numero comunque importante.
  2. Le persone più attive su Twitter sono persone che si occupano di marketing, tecnologia o seguono VIP.
  3. Il modo in cui è strutturato Twitter non ti permette di fare un buon marketing (se non adesso a pagamento)
  4. A differenza di Facebook, molte poche persone inseriscono la loro posizione o residenza, quindi diventa difficile fare pubblicità locale.

Sono abbastanza convinto che la maggior parte dei liberi professionisti lavorano a livello locale e quindi il punto 4 diventa molto importante nella decisione finale. Ma facciamo finta che, come me, tu non abbia problemi di targeting geografico.

Riferendoci al punto 1, è vero che gli iscritti a Twitter sono comunque tanti anche se non sono quelli di Facebook, però la mia perplessità è… quanti realmente si sono iscritti per provarlo e poi lo hanno lasciato stare per tornare a Facebook? In realtà gli utenti attivi ogni giorno in media su Twitter sono comunque di una quantità accettabile, quindi bisogna verificare la qualità ed il comportamento di questi utenti.

Adesso che esiste la possibilità di pubblicizzare un sito esterno con delle inserzioni più standard, con immagine, link e call to action, è sicuramente molto più interessante utilizzare Twitter, perchè a mio parere, prima, era quasi totalmente inutile ed il traffico procurato dal social network non convertiva in vendita.

Il mio parere

Credo che con queste modifiche all’advertising Twitter sia in crescita e continuerà a crescere fino a che non diventerà una valida alternativa per la pubblicità online rispetto a Facebook e Google. In questo momento però non è ancora a livello dei primi 2. Però ovviamente questo se puoi fare pubblicità senza interessarti alla localizzazione. Perchè per chi ha bisogno di clienti localizzati non è possibile lavorare con Twitter.

Però sono contento di questo cambiamento per alcuni motivi:

  • Anche se non è a livello degli altri colossi della pubblicità su internet, Twitter diventa assolutamente una nuova fonte di traffico (vedrò quando farò dei test a quanto ammonta il prezzo per click) e come probabilmente sai già, io cerco sempre di far capire a chiunque abbia un business che bisogna sempre appoggiarsi su diverse gambe e non su di una sola se si vuole avere una maggiore stabilità. Quindi, se il prezzo per click è buono, magari simile a Facebook, Twitter può diventare molto importante per ottenere un sostegno interessante in caso di calo dell’efficacia di campagne su altri siti.
  • E’ possibile che, se Twitter comincerà a fare dei prezzi per click interessanti, potrebbe scattare una gara sul prezzo per click concorrenziale che potrebbe agevolare noi advertiser. La concorrenza è sempre una buona cosa per chi deve acquistare. La possibilità di scelta e di avere valide alternative spinge i concorrenti a offrire un servizio migliore e chissà… magari a prezzo più basso!

Prossimamente farò dei test e scriverò un nuovo articolo a riguardo. Per adesso non possiamo che essere felici di avere un nuovo arrivo importante nell’advertising online (per come è stato cambiato ultimamente), poi vedremo se realmente lo utilizzeremo o no. Per adesso però ti sconsiglio di utilizzarlo perchè probabilmente deve essere ancora migliorato e non ci sono ancora esperienze improtanti in grado di dirti come evitare gli errori più comuni.

Ti sconsiglio comunque di utilizzarlo del tutto se hai bisogno di fare pubblicità locale.

Share Button

About author

David Carelse

Consulente di Web Marketing e Imprenditore su Internet. Specializzato nell'aiutare liberi professionisti a sfruttare internet per trovare nuovi clienti in modo costante. Creatore del metodo Professionista VIP™

Correlati

/ Potresti trovare interessanti anche questi

risultati web marketing

Risultati di Web Marketing: Stai Facendo Bene o Male?

Twitter sta facendo dei passi notevoli verso i bus...

Leggi tutto
Comunicare la qualità

Come Comunicare la Qualità

Twitter sta facendo dei passi notevoli verso i bus...

Leggi tutto
google-facebook-featured

Google o Facebook? Pubblicità Online per Liberi Professionisti

Twitter sta facendo dei passi notevoli verso i bus...

Leggi tutto

There are 0 comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *